Home » Informazioni aggiuntive

Informazioni aggiuntive

Software Fattura PA

Emissione della fattura in formato elettronico

Attraverso il nuovo modulo “Crea file P. A.”, è possibile reperire e memorizzare all’interno del gestionale tutte le informazioni necessarie e obbligatorie ai fini della emissione, trasmissione e gestione della fattura elettronica.

Alcune informazioni fondamentali sono:

  • Codice fiscale del trasmittente
  • Codice IPA(*) (Indice delle Pubbliche Amministrazioni) , ovvero il codice univoco dell’ufficio di riferimento, che i fornitori dovranno riportare obbligatoriamente
  • Codici CIG e CUP
  • altri dati.

Il modulo in oggetto prevede campi appositi per l’inserimento di queste informazioni aggiuntive.

Le fatture devono quindi essere trasformate in un file in formato XML (eXtensible Markup Language) non contenente macroistruzioni o codici eseguibili che possano modificare i dati in esse inseriti /rappresentati; La procedura “Fattura_PA” produce in automatico il file XML richiesto.

COSA ASPETTI REGISTRATI E SCARICA LA DEMO

 

 BREVI CENNI ALLE NORMATIVE DI RIFERIMENTO

 La legge numero 244 del 24 dicembre 2007, disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge finanziaria 2008) all’art.1 commi 209-214, al fine di semplificare il procedimento di registrazione delle operazioni imponibili e effettuare un controllo della spesa pubblica:

  • ha stabilito il principio della fatturazione esclusivamente in via elettronica nei confronti della PA;
  • ha posto il divieto di procedere al pagamento in assenza di fattura elettronica;
  • ha istituito il Sistema Di interscambio (SdI) come punto di transito obbligato delle fatture elettroniche;

Il Decreto 7 marzo 2008, ha assegnato all’Agenzia delle Entrate il ruolo di gestore del sistema di Interscambio e individuato in SOGEI spa il soggetto tecnologico a cui demandare la realizzazione e la gestione tecnica.

Il Decreto 3 aprile 2013, n.55 ha definito nel dettaglio le regole per l’emissione, la trasmissione e il ricevimento della fattura elettronica da applicarsi alle amministrazioni pubbliche.

Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66.
Il decreto all’art. 25 anticipa al 31 marzo 2015 il termine di decorrenza degli obblighi di fatturazione elettronica per le amministrazioni centrali di cui all'articolo 6, comma 3, del decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 3 aprile 2013, n. 55 e per le amministrazioni locali di cui al comma 209 della legge n. 244 del 2007.

Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, come modificato dalla legge di stabilità n. 228 del 24 dcembre 2012.
Gli articoli 21 e 39 modificati contengono la definizione di fattura elettronica, le caratteristiche e i requisiti tecnici della stessa, esempi di modalità tecniche per garantire autenticità dell'origine e integrità del contenuto della fattura elettronica e modalità di conservazione.

Decreto del 23 gennaio 2004 recante "modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici e alla loro riproduzione in diversi tipi di supporto.

Il decreto disciplina, ai fini tributari, l’emissione, la conservazione e l’esibizione dei documenti informatici, nonché la conservazione digitale dei documenti analogici.


Le circolari

Circolare interpretativa del Ministero dell’Economia e Finanze numero 1 del 31 marzo 2014
La circolare chiarisce alcune delle disposizioni contenute nel decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 3 aprile 2013, n. 55

Circolare dell'Agenzia delle Entrate numero 36/E del 6 dicembre 2006. Decreto ministeriale 23 gennaio 2004 - Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici e alla loro riproduzione in diversi tipi di supporto.

La circolare illustra le principali novità introdotte dal decreto ministeriale 23 gennaio 2004 in tema di adempimenti fiscali relativi ai documenti informatici.

Area Riservata

Area Riservata - WinCond

Consulta i dati del tuo Condominio con un semplice click!!